LAVORO FORMAZIONE EVENTI PUBBLICAZIONI SALA STAMPA MAGAZINE CONTATTI

blocchi_inside

Categorizzare e rappresentare in maniera sintetica enormi quantità di dati è la sfida del futuro.

 

Il pregiudizio verso le altre etnie ha basi culturali, ma anche componenti innate. Parte fra pochi giorni uno studio della SISSA di Trieste in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) di Roma, che studierà le componenti innate del pregiudizio nei gemelli.

 

Quando gesticolate non aggiungete semplicemente una “nota di colore” che rende più piacevole il discorso: veicolate informazione sulla struttura delle frasi e rendete il significato più chiaro.
 

 

 

L’esperimento, si basa sulla magnetizzazione di un materiale tramite un impulso elettrico e apre la strada a una nuova generazione di dispositivi super efficienti.


OggiScienza si regala un nuovo stile per il suo quinto compleanno.

 

Due appuntamenti musicali da non perdere al conservatorio “Jacopo Tomadini”.

 

I “Concerti Aperitivo” della domenica mattina, a cura del Conservatorio di Udine, tornano a rallegrare l'estate di Pordenone.

 

La storia di Pe, Sciò e Lino”, libro edito da CRO e L’Omino Rosso Edizioni: sarà presentato a Cavasso Nuovo il 12 giugno alle 18 nel cortile del Palazat di piazza del Plebiscito


Igor Cognolato in concerto al Conservatorio Tartini - Mercoledì 12 Giugno 2013, Via Ghega 12- Trieste

 

Appuntamento ad Aviano (PN) il 26 aprile 2013 con un'iniziativa unica e italiana.

 

A Trieste Next la Cultura incontra la Scienza. Ecco i principali appuntamenti: un programma ricco e suggestivo.

 

Nei giorni scorsi si è riunita la commissione che ha giudicato le immagini pervenute per l'edizione 2012 del concorso "Arte o Scienza?"


  [X]
 

GESTI CHE PARLANO

Vi siete mai ritrovati a gesticolare - sentendovi anche un po’ stupidi – mentre parlate al telefono? Non siete soli: succede molto spesso che le persone accompagnino il discorso con le mani, a volte anche quando nessuno le può vedere. Perché non riusciamo a stare fermi quando parliamo? “Perché gesti e parole, molto probabilmente, formano un unico ‘sistema di comunicazione’, il cui fine ultimo è massimizzare l’espressione, cioè la capacità di farsi comprendere”, spiega Marina Nespor, neuroscienziata della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste. Nespor ha appena pubblicato sulla rivista Frontiers in Psychology, insieme ad Alan Langus, ricercatore della SISSA, e Bahia Guellai, ora all’Université Paris Ouest Nanterre La Défence (ma che al tempo della ricerca lavorava alla SISSA), uno studio che ha dimostrato il ruolo dei gesti nella “prosodia” del discorso.

I linguisti per prosodia intendono l’intonazione e il ritmo del parlato, caratteristiche che aiutano a mettere in evidenza la struttura delle frasi e rendono quindi più comprensibile il messaggio. Per fare un esempio, senza prosodia, niente distinguerebbe “questa è una mela” da “questa è una mela?” (in questo caso la differenza sta nell’intonazione).
Secondo Nespor e colleghi anche i gesti delle mani sono parte della prosodia: “la prosodia che accompagna il discorso non è ‘modalità specifica’”, spiega Langus. “L’informazione prosodica, per chi riceve il messaggio, è un mix di sonoro e visivo. Gli aspetti ‘superiori’ (a livello di elaborazione cognitiva) del parlato sono mappati nei programmi motori responsabili sia della produzione del suono linguistico, sia dei gesti che lo accompagnano”.
Nespor, Langus e Guellai hanno fatto ascoltare frasi “ambigue”, che potevano cioè essere lette con prosodie diverse corrispondenti a due significati distinti, a 20 soggetti di madrelingua italiana. Le frasi erano del tipo “come sicuramente hai visto la vecchia sbarra la porta”, dove “vecchia”, a seconda di come viene letta la frase, può essere un aggettivo o il soggetto della subordinata. Le frasi potevano essere semplicemente ascoltate (modalità “solo audio”) o essere presentate in un video, dove i soggetti potevano sia ascoltare le frasi che vedere i gesti. Negli stimoli “video” la condizione poteva esser “congruente” (gesti corrispondenti allo stesso significato veicolato dalla prosodia del parlato) o “incongruente” (gesti corrispondenti al significato alternativo a quello veicolato dalla prosodia del parlato).

“Nelle condizioni congruenti non c’era un miglioramento imputabile ai gesti: la prestazione era molto buona sia nelle sessioni video che in quelle ‘solo audio’. È nella condizione incongruente che si è palesato l’effetto dei gesti”, spiega Langus. “Con questi stimoli infatti i soggetti sbagliavano molto più spesso (sceglievano cioè il significato indicato nei gesti e non quello del parlato) rispetto alle condizioni congruenti o solo audio. Questo significa che c’è un effetto dei gesti sull’interpretazione del significato. È nostra opinione che questo indichi l’esistenza di un sistema cognitivo comune per gesti, intonazione e ritmo del parlato”.
“Nella comunicazione dell’essere umano non basta la voce: anche il busto e in particolare i movimenti delle mani sono coinvolti, oltre alle espressioni facciali”, conclude Nespor.

 

Fonte: www.sissa.it
 

Pubblicato il 23/06/2014
 

Google
 
Cerca in Sala Stampa
Cerca in Pubblicazioni
UPDATE
RSS

12.03  07/10/2014

RICERCA:SERRACCHIANI, IL FVG ESPORTA RICERCA, ATTRAE "CERVELLI"

11.17  27/06/2014

UNA SOLUZIONE SEMPLICE PER I BIG DATA

15.46  26/06/2014

STUDIARE I GEMELLI PER CAPIRE IL PREGIUDIZIO

11.15  23/06/2014

GESTI CHE PARLANO

PERCORSI